Eppure è proprio quello che ci è voluto per la Lowla, l’ultima fatica di Jim Giuffra e Ron Abel e di tutto lo staff (al femminile) della AFT Customs.
Ve li abbiamo già presentati, non è la prima volta che una loro moto finisce sulle pagine di KustomGarage Magazine e siamo certi non sarà nemmeno l’ultima.
Anche perché è quasi impossibile trovare in giro un team così affiatato, capace e… sexy come la AFT Customs. Che si compone per la quasi totalità di ragazze bellissime che prestano, prima ancora che il loro corpo, il loro gusto e le loro mani affusolate per la realizzazione di moto come questa.
Che si chiama LowLa, che sarebbe poi il nome dell’alter ego di Sukhee, una bellissima ragazza che questa moto se l’è fatta costruire, ed ha aiutato Jim e Ron, a costruirla per sé.

LowLa è infatti la sua moto personale: bassa e potente quanto basta per una ragazza che, per mestiere, è abituata a cavalcare e a domare cavalli più o meno selvaggi (non è una battuta).

Come base di partenza hanno utilizzato una Honta VTX da 1.300 cc, cilindrata non proprio “femminile” ma Sukhee è una di bocca buona, quindi rispettiamo ed apprezziamo la sua scelta. Moto raffreddata a liquido, quindi portatrice sana di radiatore che spesso contribuisce a rovinare l’estetica di molte moto del genere. Ma l’escamotage è stato trovato in fretta, nascondendo il suddetto radiatore sotto la sella per lasciare pulita la parte anteriore del motore. Il motore non è stato pastrugnato troppo, se non per un kit per il miglioramento della performance studiato da FT Customs che comprende pistoni JE con rapporto di compressione da 11.5:1, cammes migliorate, filtro dell’aria Goldammer Cycle Works ed impianto di scarico LeoVince modificato e riadattato da AFT Customs, kit Dynojet. Tutto il resto è originale, d’altronde rimane pur sempre una moto da ragazza, per quanto grosse possa avere le palle, e non un cacciabombardiere con cui fare il quarto di miglio in 6 secondi.

Per abbassare ulteriormente il posteriore è stato montato un kit di sospensioni ad aria della Legend Air Suspension, mentre all’anteriore hanno solamente migliorato l’impianto di serie.

I cerchi sono i “Raven”, scelti dal catalogo RC Components gommati Avon Cobra da 130x23” all’anteriore e da 250x18” al posteriore.

Non staremo qui a fare una lista sterile dei marchi che sono stati scomodati per reperire tutto cià che vedete su questa moto, non staremo nemmeno ad elencare una dopo l’altra le ore di lavoro che ci sono volute per modificare la base di partenza e farla diventare questa splendida creatura chiamata LowLa.
In fondo, se avete occhi per guardare ed un po’ di buon gusto e di accortezza vi renderete conto da soli di quanto lavoro ci sia dietro una moto del genere. Se poi provate ad immaginare una bellissima ragazza dal nome Sukhee che, lavorando giorno e notte, monta, smonta, avvita, svita e compie una miriade di gesti solitamente fatti da omoni con la barba e i baffi dall’aria truce ed accigliata, ecco, se riuscite ad immaginare una cosa del genere sicuramente sarete riusciti a giungere all’essenza della moto stessa. E della sua proprietaria. E del gran bel gioco che è la vita su due ruote.